Vin Cotto di Carrube: sciroppo curativo e goloso

20170305_113237

Scritto da Silvia Panzer

Condividilo con i tuoi amici:

La Carruba svolge un ruolo importante nella cultura e la tradizione enogastronomica Pugliese, ma soprattutto Garganica.

Qui a Vieste lo usiamo per bagnare i dolci tipici come le Pettole e le Cartellate oppure per impastare i Mostaccioli.

Ecco, oggi voglio svelarvi la mia ricetta personale.

Ricetta

Tempo di preparazione: 1 settimana…;-)
Difficoltà: Facile
Quantità: ca. 500 ml.

Ingredienti

3 kg. Carrube
ca. 6 lt. Acqua

 

Preparazione

Lavare accuratamente le Carrube. Spezzettarle e schiacciarle con un martello ricavando dei pezzi più piccoli possibili.

Mettere i frantumi delle Carrube in una pentole grande d’acciaio e coprire con abbondante acqua. Coprire e lasciare il tutto a bagno per 5 giorni. Ogni tanto mescolare un pò.

Dopo i 5 giorni portate il tutto ad ebollizione. Cuocere per ca. 1 ora e 1/2. Filtrate con un’etamina spremendo bene per ottenere il massimo del liquido.

A questo punto fate bollire il liquido ricavato per ca. 8/10 ore fino a quando sarà della consistenza del miele.

Preriscaldate le bottiglie dove verrà versato il “Nettare” ancora caldo. Chiudete subito bene con il tappo ermetico.

Curiosità – Le Carrube hanno delle proprietà nutrizionali eccezionali. Oltre ad essere ricche di vitamina E + K, le sue fibre aiutano ad abbassare il livello del colesterolo e sono un’ottima fonte di calcio.

Lo sapevi che…

…il vin cotto di Carrube è uno sciroppo naturale per curare la tosse ed il mal di gola?

Commenta per primo lasciando altri consigli: racconta la tua ricetta e aggiungi altro sapere (e sapore) alle tradizioni che raccontiamo. Posta una foto su Facebook con l’hashtag #HotelPalmeGemelle …premi alimentari in arrivo …

Buon appetito e … segui il profumo della Puglia.

Commenta